Replica

Qualcosa che possa sottrarti al drammatico imperativo del qui ed ora; che sia in grado di occupare lo spazio inafferrabile fra ruvido e carezzevole, stimolo e conferma, interrogativi e risposte; con una straordinaria title-track capace di sostenere lo sguardo della grande tradizione del Novecento jazzistico senza esserne accecata: quest’album, appunto.

Oneohtrix Point Never – Replica (Mexican Summer 2011)

Annunci

On Berlusconi’s legacy

Berlusconi has gone, for the moment. There has been a lot of celebrating in Italy and that was understandable, albeit nobody is going to like what comes next. There seems to be scarce understanding of this, but let us not go there for now. The darkest page of post World War II Italy having temporarily been turned, we should for a moment take a good look at what we have been through.

When it comes to authoritarian (and totalitarian) ideologies, we Italians were there first. Sure, it took the Germans to implement and to bring to lethal perfection something like Fascism. Nonetheless it was us who gave that to the world. It is our greatest original contribution to the XXth Century (and nasty one, should I really stress that). Now we are perceived as something of a (large, third largest actually) burden to the EU due to our chronic inability to let go of politics and finally surrender to management. 

In fact, such inability is indeed superficial. Deep down, by letting someone like Berlusconi taking over, the Italian left did indeed surrender to management: only, one of a populist, instead of technocratic, breed. This is the most enduring legacy of berlusconism.

Berlusconi and Mussolini are similar not in their qualities but in their functions: they both paved the way for the acceptance of until then unpalatable (and partly unprecedented) ideologies. The latter copyrighted right wing totalitarianism. The former, a man with an ego of Hollywoodian proportions who probably likes to think of himself as some sort of Napoleon (at best, he barely makes it into the league of the way more mediocre Napoleon III), is ushering Europe and indeed the West into a period in which televised leaders of clownesque behaviour and extra-political qualities will be increasingly chosen by the electorate to represent them in Parliament.

This has been long in the making and is barely evitable: the watering down of the political discourse of liberal democracy leaves a void which cannot be filled other than by recurring to elements like fame, beauty, riches to be used as a fetish. Politicians are more and more being recruited amongst footballers, movie stars, billionaires and pop stars rather than from their traditional breeding ground. So it was not invented by Berlusconi, who was preceded by Reagan, Schwarzenegger etc. (the USA require a different analysis, their political universe being of an entirely different sort). Berlusconi original contribution lies rather in his particular blend of populism, little care, if not complete disrespect – for the idea of State, family, international prestige etc., something to which Thatcherism, still a completely orthodox neoliberal stance in comparison, remains firmly committed.

He is, in other words, a symptom of a transnational virus that could flourish particularly well in a country devoid of the required antibodies (a strong national identity, an imperial[istic] past, Protestantism, etc.), such as republican Italy. He is the crack in the dam of European politics, one through which an increasingly commodified tidal wave of postpolitical chatter will flood the political debate and praxis.

Behold, here is the leader of the future. He has all that it takes: media appeal (and, of course, media themselves) and charisma, which make up for the otherwise dismaying blandness of ideas. Until his incompetence accelerates (only) the unfolding of desperate situations, like the present Italian one, and so-called technocrats are thrown in. People, that is, who just do their job: patching up something that has broken down instead of fixing what caused it.

Let’s have a look around: isn’t Sarkozy France’s closest match to Berlusconi? Has anyone ever considered the almost Italian quality of Spanish television? Sure, the patina of respectability still presiding over UK and Germany leaders is enduring in comparison, this being arguably due to the post-imperial prestige of the former and the historical burden haunting the latter, alongside their Protestantism – but there is a good chance that, not too far in the future, they will join their Mediterranean catholic counterparts into a common quest for the next populist leader. Not as crass as Berlusconi maybe, and yet not too far removed from his ultimate goal: filling Parliament with the toxic chitchat of TV shows. Nicholas Sarkozy parading his ersatz gaullism works as a pale dismissal for the grande peur that French banks, and with them the whole country’s long gone grandeur – are going to go down. Other than that, he is made of the same, if only less coarse, clay. Himself a media savvy, he knows all too well that laughing about Berlusconi with Merkel is an excellent way to distance himself by the sinisterly similar object of his derision, a guy behind whom he is trailing.

As with Fascism, I’m afraid Italy will soon be seen as having got there first. Only, this time with berlusconism, the new post-political ideology capable of morphing into different physiognomies, according to the culture it will grow into; a way to speed up and clumsily adjust to the Italian specific situation the entering of Europe in the realm of early third millennium media-driven late capitalist sameness.

He seems to be gone for now, but his legacy will stay. He might have changed Europe for ever. Do expect more of him, in every sense.

Cessazione della politica

Non c’è niente da festeggiare. Prima di tutto non sappiamo davvero fino a che punto è certo che dia le dimissioni. Fa spazio a una figura imposta dai “mercati”, che ha un mandato extrademocratico per “far quadrare i conti” e sfascerà quello che resta dello stato sociale in Italia. Questo significa che tutte le misure che l’Italia avrebbe dovuto prendere (tagli dei salari, della previdenza, peggioramento dei contratti di lavoro, smantellamento del settore pubblico, eccetera) prima di entrare in questa famigerata moneta unica e che non ha mai preso, ci saranno ficcate giù per l’esofago in virtù di quello che altro non è se non il commissariamento di un’azienda. Si avvera l’incubo del paese-azienda attraverso il partito-azienda, il cui leader viene spodestato non dal popolo, ma dai suoi imbarazzati alleati di classe che non ne tolleravano più i metodi.

La sinistra devertebrata che fa capo a Bersani dice che prima viene l’Italia. No, Bersani. Prima viene l’interesse speculativo al quale il partito di Gramsci inesplicabilmente finito nelle tue mani s’inchina. Assistiamo in queste ore, ore in cui Grecia e Italia (la “culla” della cultura occidentale) sono ridotte al ruolo di porci mediterranei da governare nel grande stabbio globalizzato, all’umiliazione (meritata) di una classe politica che, attenzione, non è una casta o altre scemenze del genere: è simultaneamente causa ed effetto di quello che è diventato il Paese negli ultimi trent’anni. Qual’è lo strillo di dissenso nel mainstream del dibattito? Quello del segretario dell’Italia dei Valori Bollati.

La politica italiana era da vent’anni in uno stato di morte apparente: svuotata completamente, tranne che del proprio involucro formale. Adesso, l’Economia cessa di determinarla dall’esterno e ne assume essenzialmente il ruolo, relegandola a reliquia definitiva del Novecento.

Nel frattempo noi prendiamo tempo, procrastiniamo ancora. Ci saranno altri tagli, ci saranno altre manifestazioni. Ma la famigerata crescita non arriverà, perché l’Europa è ferma. Dopo i tagli fatti pagare ai deboli, i forti torneranno a bussare a Bruxelles, reclamando un’altra decima. E tutto ricomincerà. Oltre all’umiliazione, subiamo anche la farsa. Chi ci dice che B non torni “democraticamente” al potere attraverso Alfano (e Romina?) alle prossime elezioni? Così il tecnocrate imposto da Berlino e Parigi gli leva le castagne dal fuoco, lui torna e noi ricominciamo a fare allegra opposizione su Facebook.

L’unione monetaria è stata una colossale hubris liberista. Forse, perché qualcosa succeda, l’Euro deve crollare. Forse ci vuole un Evento.

Porci (senz’ali)

Sapete come gli aitanti ragazzi della city chiamano i peones, in massima parte mediterranei, che annegano nel debito pubblico? PIGS, che sta naturalmente per Portogallo, Italia, Grecia e Spagna. Quando gli acronimi tradiscono un malcelato disprezzo anglosassone mascherato da praticità. O perlomeno sembrano tradirlo.

Che ci facciamo qui?

Il pifferaio magico se ne va. Ma non prima di aver condotto la scia di ratti (sono ratti, nella fiaba) dentro le acque del fiume. È uno scenario, quello al quale assistiamo, in Italia e da fuori, in cui tutti perdono.

Non scrivo da anni, credo, di B. A un certo punto mi sono convinto che non è lui il problema. Sbagliai quando, qualche anno fa, lo paragonai a Mussolini, una tentazione giornalistica facile, alla quale non ho resistito.  B non ha questo tipo di ambizioni. L’autoritarismo fascista novecentesco è stato un fenomeno essenzialmente politico, dietro c’era un programma. B non ha mai avuto un programma politico.

Ormai è chiaro cos’è successo. Il vuoto di potere alla fine di tangentopoli, la parte moderata del paese orfana della DC, l’altra – la metà sana – in preda a una crisi isterica identitaria che presto sarebbe culminata nell’autofagia.

Entra in scena questo figuro, pieno di soldi, vuoto di idee. Anzi, pieno di anti-idee: fine della politica, trionfo del management, catartica bulimia consumistica. Assembla un partito, dopo aver preparato già, inconsapevolmente quasi, il terreno, avendo massacrato un’amorfa cultura popolare attraverso milioni di metri cubi di sbobba televisiva, ammannita gratuitamente nei tinelli degli italiani, quelli dove c’era il calendario di frate Indovino come quelli con appese le riproduzioni di Van Gogh. Possiede i suoi deputati, nel senso che ne inventa le carriere, li tiene a libro paga. Nessun leader autoritario di destra ha mai potuto fare altrettanto.

Nel frattempo, il principale partito d’opposizione, nelle mani di due leader (uno oggettivamente intelligente ma prigioniero della propria presunzione politica, l’altro oggettivamente mediocre) esprime la propria eutanasia, nella convinzione di doversi dare i requisiti ideologici giusti per svolgere la sua finzione storica. Cerca di postmodernizzarsi, convinto di dover stare al passo con un Paese che sta rapidamente cambiando pelle. Tira dentro dei cattolici cercando di inseguire l’elettorato di centro, la chimera di tutta la socialdemocrazia da Bernstein in giù. E’ il nostro modo di allinearci al neoliberismo imperante. Nulla di tutto ciò può rivaleggiare con l’apparatus di B, irreversibilmente incistatosi nell’immaginario collettivo.

Il risultato sono diciassette anni di morta gora, di immobilismo, in cui l’unico dato politico effettivamente rilevante è la nascita di una forza antipolitica, la Lega, basata sulla paura e sul rifiuto dell’altro, una forza antipolitica cha va a mangiare il fegato e i voti della sinistra radicale, mentre in Europa il Thatcherismo targato Blair la fa da padrone, complici anche “i mercati”: è la grande abbuffata della finanziarizzazione.

Poi però il capitalismo globale si inceppa. La gretta avidità, dopo aver garantito un’ascesa inebriante di profitti deregolarizzati, ai quali si è fatto moralmente fronte con una miscela di beneficienza e politically correct, entra nel suo ciclico avvitamento verso il basso. I debiti non sono più esorcizzabili nè dilazionabili, cominciano a battere alla porta di chi non poteva ma ha voluto.  Il paradosso grottesco è che B non è adatto a difenderlo, perché non è un ideologo capitalista. È solo un capitalista disonesto. E sa che è proprio grazie a una certa arcaicità del capitalismo all’italiana, fatto di intrallazzi familiari, clientele, favoritismi, prebende, un’arcaicità che sovrintende naturalmente anche la sua gestione della politica,  che ha potuto garantire l’arricchimento proprio e dei suoi, vendendo i suoi sogni di polistirolo al Paese. Quindi non fa nulla per scontentare la massa di chi lo ha votato nella speranza che li avrebbe sollevati dall’onere di essere soggetti sociali. E ha, paradossalmente, in gran parte lasciato indisturbata la spirale del debito.

Il resto è ora. Quando la nave è ormai mezza affondata, decide di lasciare. Il mondo cessa di vederlo come un giullare, in Europa monta una certa rabbia. “I mercati”, il vero arbitro dei destini del mondo, scalmanati come una gallina decapitata, vanno contro quelli che fino a ieri eravamo abituati a considerare meccanismi cardine dell’economia. In presenza di un governo stabile dovrebbero salire: in questo caso, salgono solo quando hanno la certezza che B se ne vada. Questa certezza ancora non è assoluta. L’italia rischia di fallire.

Si profilano tempi interessanti per il capitalismo. All’italiana e non.