Massiveheadoccupyradioattack

20111208-010056.jpg

Thom Yorke e Robert del Naja appaiono a sorpresa ad un party di Occupy in una banca abbandonata ad Hackney. Dal loro dj set verrà tratto un disco scaricabile on line a un prezzo “a sottoscrizione” come si dice dalle nostre parti, gli incassi verrano devoluti ai vari movimenti di campeggiatori protestatari (oddio, ho usato una formula che avrebbe potuto essere del Giornale). Qui il video, l’etichetta si chiama Occupation Records.

Continua a leggere “Massiveheadoccupyradioattack”

Annunci

La rivolta degli schermi al plasma

La storia d’Europa è piena di rivolte e guerre popolari per generi di prima necessità. Nel medioevo ci si ribellava spesso per la soddisfazione di bisogni primari, come il sale e il pane; quest’estate a Londra ci si abbandonava alla soddisfazione dei bisogni primari odierni, arraffando scarpe da ginnastica e schermi al plasma. E mentre lo scorso agosto le città di mezza Inghilterra bruciavano del fuoco della guerriglia urbana per quattro giorni e quattro notti, David Cameron era in Toscana che assaporava la dolcezza rinascimentale del Chiantishire sulle orme di Harold Acton.

Continua a leggere “La rivolta degli schermi al plasma”

Clarkson, i sindacati e la pena di morte

20111202-124319.jpg

Jeremy Clarkson è un imponente omone che ama le auto rombanti e odia gli alberi. Il suo orizzonte è fatto di cavalli (motore) e idrocarburi, è un apostolo dell’automobile. Il suo programma è uno dei più seguiti della televisione di questo paese, si chiama Top Gear e parla appunto di automobili. Clarkson è quello che qui si definirebbe un “controversial character” un personaggio controverso, una delle formule più diplomatiche che questa lingua diplomatica adotta ogni qualvolta deve definire qualcosa o qualcuno di amato e odiato ad un tempo.

Continua a leggere “Clarkson, i sindacati e la pena di morte”

Thermopylae blues

Non preoccupatevi per 300: sarà pericoloso, ma fa soprattutto ridere.

Avrei volentieri steso il metaforico velo pietoso sulla questione se 300, il film che Leni Riefenstahl avrebbe diretto volentieri se avesse fatto un corso accelerato alla Microsoft, vada preso sul serio o meno. E, in tutta sincerità, per un momento l’ho fatto: prima di vedere il film, appena uscita la notizia che in Iran stava scatenando la prevedibile reazione non esattamente filosionista. In fondo se i film sono lo specchio della cultura contemporanea, non è forse Hollywood quello della cultura americana contemporanea? Perché trincerarsi dietro il simulacro della fantasia (“è un film fantastico, non va connesso alla realtà”)? Poi l’ho visto. Il primo pensiero è stato che fosse la versione losangelina del film di Guzzanti, Fascisti su Marte, solo con molto software in più e ironia in meno. Solo dopo ho capito che 300 è, in realtà, nonostante il cybergrand-guignol, un film completamente comico.

La cosa che scrissi su 300 quando uscì, nel 2007, nel blog che fu di Rockstar.

(for Gigio’s eyes only)

FASCISTI SU SPARTA

Avrei volentieri steso il metaforico velo pietoso sulla questione se 300, il film che Leni Riefenstahl avrebbe diretto volentieri se avesse fatto un corso accelerato alla Microsoft, vada preso sul serio o meno. E, in tutta sincerità, per un momento l’ho fatto: prima di vedere il film, appena uscita la notizia che in Iran stava scatenando la prevedibile reazione non esattamente filosionista. In fondo se i film sono lo specchio della cultura contemporanea, non è forse Hollywood quello della cultura americana contemporanea? Perché trincerarsi dietro il simulacro della fantasia (“è un film fantastico, non va connesso alla realtà”)? Poi l’ho visto. Il primo pensiero è stato che fosse la versione losangelina del film di Guzzanti, Fascisti su Marte, solo con molto software in più e ironia in meno. Solo dopo ho capito che 300 è, in realtà, nonostante il cybergrand-guignol, un film completamente comico.

Continua a leggere “Thermopylae blues”

Get angry and stop

20111120-103352.jpg

Mario Monti cuts a striking figure in the new Italian parliament. He and his acolytes seem like an abrupt epiphany of asceticism, measure and style on a stage until now populated by sad commedia dell’arte characters.

It is a weird mix of feelings to see the old Democrazia Cristiana miraculously rising from its pre-tangentopoli ashes and slowly reclaiming its territory. It is the rétour eternel of italian politics, the reshuffle, reinvention, resuscitation of the good old Centre. But trust me: it is a huge relief to see that, eventually, the ludicrous bandwagon the old Italian government ended up becoming has finally gone. It a relief that largely outdoes the retrospect anger at what their (the DC’s) regime did cost to the country since the birth of the Republic.

We don’t know if this is the beginning of the Third Republic, (a terminology evoking ruthless comparisons with the French original), and frankly at this stage it does not sound particularly important, either. It is the end of politics. Not as a concept, or as a strategy: we all know too well that there is no such things as “apolitical”, or a 100% technical. But as something operating a possible dialectical mediation between “the Markets” and the rest of the complexity of the human horizon. It is interesting to observe how, in time of crisis, capitalism deploys his paratroopers, the bankers, at the helm of sovereign countries that are about to collapse under the weight of the neoliberal edifice they had been cemented into. It is a more straightforward measure that the one previously implemented, that is, the one that entails operating via a network of influences and by lobbying.

During the Blitz, here in the Uk there was the slogan “Keep calm and carry on” conceived with the intent of, supposedly, boosting the morale of the heavily bombed British and London populations. I think it would sound entirely inappropriate for present-day Italy. What we need is more something like “Get angry and stop”.