Il Fascio a Sanremo e la (mancata) fuga degli stomaci

La notizia delle canzoni fasciste al Festival di Sanremo – rientrata o meno che sia – pone soprattutto una questione che credo coloro che dibattono su par condicio, democrazia, revisionismo storico, tutela delle minoranze oppresse, tralascino.

La questione è: come mai nel giornalismo presunto d’opposizione dell’Italia contemporanea, quello del gruppo Espresso soprattutto, si parli così spesso di “fuga dei cervelli” (il talento nostrano sottoutilizzato in patria ergo costretto a un’umiliante migrazione) e mai, che so io, di “fuga degli stomaci”?

La risposta è dolorosamente ovvia: gli stomaci degli italiani “dissidenti” dell’era berlusconiana sono di ferro, digeriscono qualunque porcata. E francamente, dopo gli ultimi sviluppi riguardo alla night life del Premier (che io continuo a considerare la marca di una batteria), un inno fascista sul palcoscenico di una manifestazione come Sanremo, con i post fascisti al momento l’alleato principale della sinistra, è una bazzecola.

Insomma, la fuga degli stomaci, la fuga di quelli a cui viene da vomitare a guardare il Paese in faccia, non c’è e non ci sarà. Fuga da dove, e per dove poi? Si rimane qui, a temprare la propria resistenza gastrica, proprio come ai tempi dell’olio di ricino.

“Quello che non mi stomaca mi rafforza” insomma, parafrasando Nietzsche. Più che lecito, è disperatamente necessario dubitarne.

Annunci

Immagini di un concerto non visto: Swans @ Koko

Swans live at Koko, London 28/10/10 © Antonio Pagano

Cominciare una nuova fase parlando di qualcosa che non si è visto, da una parte può sembrare di cattivo auspicio, dall’altra un conformarsi a un diffuso malcostume giornalistico, ma tant’è. No, non sono riuscito ad andare al ritorno live degli Swans giovedì scorso al Koko, sebbene fosse tra le mie priorità, soprattutto perché ero presente all’ultimo prima della reunion, all’Astoria (o Astoria 2?) nel 1997.

Sebbene sia ancora in rehab per la delusione, volevo condividere con voi qualche scatto dell’amico Antonio, che c’era: tutte foto dell’almighty Michael Gira. Se qualcun’altro che passa da queste parti c’era, per favore ci faccia sapere com’è stato. Ho la sensazione che sia stato come il Tuono: la band, come si sa, sta portando in giro l’ultimo, stupendamente unsettling, My Father Will Guide Me Up a Rope to the Sky.

Michael Gira
Swans live at koko, London 28/10/10 © Antonio Pagano
Swans live at Koko, London 28/10/10 © Antonio Pagano
Swans live at Koko, London 28/10/10 © Antonio Pagano