L’ultima stazione

Oggi, a Firenze, una via crucis di lungo periodo si ferma ad una stazione che speriamo davvero sia il capolinea. Le miserande spoglie del massimo partito comunista occidentale del secondo dopoguerra si riuniscono nell’ennesimo esercizio di immedesimazione/trasformazione nel proprio nemico, avendo abbandonato ogni speranza di batterlo altrimenti.

Che questo partito fosse un povero sonnambulo già dagli anni Settanta è un altro discorso. Era pur sempre un interlocutore. Ma questa kermesse di liquidatori fallimentari intrappolati in un infinito parricidio?

Hanno avuto il migliore come ostetrica e il migliorista come becchino.  Sono il nuovo che avanza (nell’altro senso, quello del rimasuglio).

Meno Renzi, più Lucie.

Autore: leonardo clausi

Si tratta di prendere Troia, o di difenderla.

3 thoughts on “L’ultima stazione”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...