Featured

Uscita di insicurezza

71u3po5GnpL

Tempestivamente e nel segno della più febbrile urgenza auto-promozionale, avverto che l’anno scorso, il sette dicembre, è uscito per i tipi di manifestolibri un mio saggetto polemico che attraversa di un fiato (corto) secoli di storia e cultura inglese alla luce della famigerata British Exit. S’intitola Uscita di insicurezza. Brexit e l’ideologia inglese.

Compravàtevelo, fingete di leggerlo e possibilmente infliggetelo ai vostri peggiori nemici.

 

Annunci

Le bombe della zia May

skynews-theresa-may-syria_4282116

Alla fine Theresa May ha preferito accodarsi al punitore francoamericano in fretta e furia pur di non consultare il Parlamento, ben sapendo che la via democratica alle bombe le sarebbe stata sbarrata in aula.

Continua a leggere “Le bombe della zia May”

I molti take (o fake) della storia al cinema

Darkest-Hour-Still

Per molti europei, soprattutto italiani, la Gran Bretagna della British Exit è un po’ come l’amante di un incontro occasionale che il mattino dopo si riveste in silenzio per poi dileguarsi, senza nemmeno lasciare uno straccio di numero. Davanti al benservito targato Brexit sono rimasti impietriti, come sotto shock.

Continua a leggere “I molti take (o fake) della storia al cinema”

Dente perdente

nintchdbpict0003914841171

Occhio per occhio, o tit for tat, come si dice più leziosamente in inglese. Mosca rimanda al mittente l’espulsione di – esattamente – ventitré funzionari presso l’ambasciata britannica della capitale russa con dei pesanti interessi: la chiusura della sede moscovita del British Council, l’agenzia d’irradiazione globale del soft power nazionale, più il consolato di S. Pietroburgo.

Continua a leggere “Dente perdente”

Cartellini russi

1189570
L’ambasciata russa a Londra

Una settimana per fare le valigie. Foglio di via per ventitré diplomatici russi – si legga spie, mai così tante dagli anni Settanta – e nessun reale o dignitario ai mondiali di Mosca della prossima estate. Non la nazionale inglese però, almeno non ancora.

Continua a leggere “Cartellini russi”

Tu quoque, populismo

nt-live-julius-2018-web-1200x600-c-default

Se il liberalismo anglosassone ha sempre tenuto a bada la demagogia, lo deve anche a Shakespeare. Non è dunque per coincidenza che le élite metropolitane di New York e Londra, giustamente turbate dal trumpismo imperante come dal nazionalismo targato Brexit, ricorrono al Bardo per mettere in guardia sul pericolo corso da una democrazia odiosamente sottratta al loro oligopolio.

Continua a leggere “Tu quoque, populismo”