Divorzio alla catalana

3-quadrata-sinistra-sinistra-0917efe-0265

Barcellona è scesa in piazza ancora una volta, nell’ennesima escalation con Madrid sulla spinosa questione dell’indipendenza catalana. La tensione nella capitale autonoma è aumentata dopo che il governo madrileno ha sguinzagliato la Guardia Civil negli uffici governativi catalani della Generalitat, nella Plaça Sant Jaume, e in quelli del ministero dell’economia, all’angolo fra la Rambla de Cataluña e la Gran Via de Passeig de Gracia.

Continua a leggere “Divorzio alla catalana”

Annunci

Grant Hart, 1962-2017

Greg Norton, Grant Hart e Bob Mould
Grant Hart – che un cancro si è appena portato via a 56 anni – è stato un batterista, chitarrista, cantante e artista figurativo negli imprescindibili Huskër Dü di Minneapolis, forse la band hard-core americana più dotata a livello di scrittura melodica. Con Bob Mould, e Greg Norton al basso, formarono una partnership di songwriting tra la più importanti del punk e sfornarono cinque album con foga forsennata: senza naturalmente fare una lira ma influenzando con la loro disperata passionalità romantica anche l’ondata di guitar-rock che sarebbe seguita di lì a poco a Seattle. Di questi, i due capolavori sono gli entrambi “doppi” come si diceva in vinilandia, Zen Arcade (1984) e l’ultimo prima dello scioglimento, Warehouse: Songs and Stories, (1987).

Un artista segnato da problemi di dipendenza e rovesci di fortuna costanti, che nemmeno quando formò i promettenti Nova Mob gli permisero di guadagnarsi la meritata visibilità. In memoriam.

Nessuno tocchi la carbonara

Nel quartiere di Tower Hamlets, East End di Londra, una bimba europea «cristiana» di cinque anni è stata data in affidamento per sei mesi a due famiglie musulmane ortodosse dove non si parla – o si parla stentatamente – inglese, si indossano niqab e burqa e naturalmente non si mangia maiale.

Continua a leggere “Nessuno tocchi la carbonara”

Il rocker e il ragioniere

Quando dugentoeventimila persone vanno al concerto di uno spaghetti rocker il cui merito principale è stato dar lustro a Nantas Salvalaggio, che da decenni riempie le sue decalcomanie di rock anglosassone con qualunquistici gargarismi sul nulla e che ha fornito la colonna sonora al grillusconismo, è il momento di guardarsi allo specchio e dirsi che sì, quella luce in fondo al tunnel è proprio un altro treno.

(continua)

Schadenfreude

Di primo acchito, e per chi avesse la rara  fortuna di aver sviluppato dei muscolosi anticorpi contro il pensiero mercato unico, la Schadenfreude, tedesco per “gioia o soddisfazione per le disgrazie altrui,” sembrerebbe un’emozione repellente: la manifestazione di una bieca miseria morale social-darwinista da cui stare lontani il più possibile, il carburante di una società schiava della propria libertà di consumare e che ha fatto dell’esportazione spesso violenta di questa libera schiavitù la propria ragione storica, la sentenza di fallimento per qualsiasi progetto new-age spiritualista aromaterapeutico, la suprema negazione di precetti evangelici, quando non l’ingrediente principale di prontuari di self-help da comprare in climatizzati autogrill assieme ai manuali di Volo.

(continua)