O Syriza, portaci via

Sul sito dell’Espresso.