Daydreaming

Il primo – struggente – singolo tratto da A moon shaped pool, l’ultimo dei Radiohead. Un album luminosamente lugubre, cameristico, venato di folk, che piano piano ti si insinua sotto la pelle. Che bel gruppo sono diventati, allontanandosi coraggiosi dalle logore convenzioni rock degli esordi. E Thom Yorke, capace di invecchiare con magnetismo, è ormai una magnifica Tilda Swinton della musica.

Sono evidentemente loro, i Radiohead, a tenere alta la bandiera di quel che resta del rock inglese, non certo quei noleggiatori di pere cotte – tiepide – dei Coldplay. Loving them.

Autore: leonardo clausi

Si tratta di prendere Troia, o di difenderla.

1 thought on “Daydreaming”

  1. Il disco è molto ispirato e la sperimentazione non è così fine a se stessa o autorferenziale come nei due dischi precedenti.
    Forse l’opera definitiva che mette in musica il nostro tempo e le ansie dell’uomo contemporaneo; queste le mie sensazione dopo i prini ascolti.
    Se la parola “rock” ha ancora un senso nel 2016, (e far si che ogni volta che qualcuno pronunci questo termine non mi si pari davanti l’immagine di Lenny Kravitz in posa con la chitarra vestito da Jimi Hendrix) lo dobbiamo in gran parte a loro!!!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...