The (Rotten) Legacy of Thatcherism

image.The Legacy of Thatcherism. Assessing and Exploring Thatcherite Social and Economic Policies, edited by Stephen Farrall and Colin Hay. Oxford University Press for the British Academy. 352 pp. £25.00.

The legacy of Thatcherism: how not to assess it? Even beyond the ‘Anglo-liberal’ shores, Margaret Thatcher is such a totemic figure that it could be argued—without fear of opprobrium—that the present British political settlement is still cast in a Thatcherite mould.

Continua a leggere “The (Rotten) Legacy of Thatcherism”

Il Fascio a Sanremo e la (mancata) fuga degli stomaci

La notizia delle canzoni fasciste al Festival di Sanremo – rientrata o meno che sia – pone soprattutto una questione che credo coloro che dibattono su par condicio, democrazia, revisionismo storico, tutela delle minoranze oppresse, tralascino.

La questione è: come mai nel giornalismo presunto d’opposizione dell’Italia contemporanea, quello del gruppo Espresso soprattutto, si parli così spesso di “fuga dei cervelli” (il talento nostrano sottoutilizzato in patria ergo costretto a un’umiliante migrazione) e mai, che so io, di “fuga degli stomaci”?

La risposta è dolorosamente ovvia: gli stomaci degli italiani “dissidenti” dell’era berlusconiana sono di ferro, digeriscono qualunque porcata. E francamente, dopo gli ultimi sviluppi riguardo alla night life del Premier (che io continuo a considerare la marca di una batteria), un inno fascista sul palcoscenico di una manifestazione come Sanremo, con i post fascisti al momento l’alleato principale della sinistra, è una bazzecola.

Insomma, la fuga degli stomaci, la fuga di quelli a cui viene da vomitare a guardare il Paese in faccia, non c’è e non ci sarà. Fuga da dove, e per dove poi? Si rimane qui, a temprare la propria resistenza gastrica, proprio come ai tempi dell’olio di ricino.

“Quello che non mi stomaca mi rafforza” insomma, parafrasando Nietzsche. Più che lecito, è disperatamente necessario dubitarne.