Goodbye, Welfare state

Il tristo Duncan Smith comincia l’opera di ristrutturazione disfacimento dello stato sociale. “Non possiamo permetterv, ehm, permettercelo”